fogcarNell’ultima fiera dedicata al wireless sono stati presentati dei nuovi router per le auto ed i veicoli in generale che creano una nuvola WIFI a partire dalla connettività dati delle reti 3G. Alcune case automobilistiche quali la Mercedes, ad esempio, stanno pianificando la loro installazione di serie. In questo modo si apre tutto un nuovo scenario  di applicazioni non solo person to person e person to machine ma anche machine to machine.

Arriveremo al facebook dei veicoli e all’amicizia fra questi? Scherzi a parte il fatto di poter, un domani, comunicare fra i veicoli può permettere la risoluzione di problemi effettivi e pregnanti della circolazione attuale. Si pensi solo agli incidenti a catena sulle autostrade in presenza di nebbia: potremmo programmare la rete in modo tale da comunicare a largo raggio la “stasi” del veicolo se tale evento accade nel mezzo di una autostrada ed in modo improvviso (occore poter e saper discriminare il caso della sosta nella corsia d’emergenza). Un’altra opportunità riguarda la possibilità di fare “amicizia” fra auto o meglio fra guidatori che spesso si ritrovano sempre sulle stesse strade alle stesse ore nell’ottica di costruire delle “comunity traffic street located” che possono sicuramente indurre un efficente “car sharing” nel medio periodo con risparmio di tutti (ambiente e singoli). A tal fine basta pubblicare nella virtuale “bacheca” della nuvola wireless dell’auto  il proprio percorso periodico e il desiderio di poterlo condividere con qualcuno: ovviamente tale pubblicazione può esser limitata al tratto di strada che si vuol condividere e può esser visibile soltanto a quegli IP o veicoli che si sono incontrati periodicamente almeno 10 volte!

Come vedete sono quasi infinite le nuove applicazioni e i nuovi scenari che si vengono ad aprire. Purtroppo ve ne sono anche alcuni a tinte più scure che riguardano la sicurezza, i costi delle connessioni in zone di roaming e l’inquinamento elettromagnetico: tutti fattori che se gestiti adeguatamente non rappresentano certo fattori critici per non avviare dei progetti nel settore.

Comments are closed.